Feet in a circle

The TMF is sponsored by:

Members Only Full Movie
Hooters Milf HD
Shirley & Marcia Hogtied - FULL HD
Clips4Sale Banner
Tickling Archipelago part 2 HQ
TIME FOR TICKLE CLASS - HD 1920x1080
That's Not A Massage! Pt 1: Raven Eve! (1080 mp4)

What's New?

3/26/2019

Check out the TMF Welcome from for profiles, our rules and a place to say hello!

New from MTJ

Bounce in
the Night #4

Click here
3/14/19

Mobile tickling app


Click here to help create a new app for finding Tickles in Your Local Area

clips4sale.com


The largest clips store online

Honor Roll

Thank you to all of our Patrons!
Thank you all!

Xandier
Vanillaphant
Tkprince
Tkle 26
Tidas
Tickler334
Tickle Labs
The Bandito
Tenebrae
Taye
Sttklr
Singleandlookin
Shatelt1992
ShadowJake99
Rajee
R4j20c67
Rage
Oekaki Tickles
Noneya
Nedstacey2
MTJ Publishing
Milagros317
Mchurley
Martin20
LeeAllure
Laughter_n_love
Justin Sane
Jmills
Goddess_nemesis
FJSLikesTickling
February7
DVNC
Dr_Random
Doctor D
Darkknight
Cletus
BrightEyes1082
Airthedestoyer
Aftkler

Become a TMF Supporter

Explore the TMF

Link Us!

Link your site to the TMF. Info here

MTP classics


hundreds of classic tickling clips from MTP!

Live Camgirls!

Live Camgirls

Streaming Videos

Pic of the Week

Pic of the Week

Trivia Winner:

brad1701

Page 1 of 2 12 LastLast
Results 1 to 15 of 17
  1. #1
    Join Date
    Aug 2002
    Location
    Treviso Italy
    Posts
    129

    Post LUNA PARK HYSTERIA (traduzione con aggiunte e rielaborazioni)


    Oh, Silvia, così eccitata per l’arrivo del nuovo Luna Park! Fin da bambina ti sono sempre piaciuti i parchi divertimenti, tutti i giochi e le attrazioni, certo, ma soprattutto la casa degli orrori!
    C’é qualcosa nell’essere spaventata che ti attrae, non sai esattamente cosa, forse la voglia di evadere dalla routine quotidiana, o forse il desiderio di sperimentare quella sensazione di vulnerabilità che sfida la tua forza e il tuo senso di sicurezza. Forse ti piace perché ti permette di provare l’ebbrezza di essere preda di spettri e fantasmi, di demoni e spiriti maligni, sapendo però che non ti potrebbe succedere niente di vero, che non ne potrebbe derivare alcun male, nessun danno né morale né fisico. Qualunque sia la ragione, è certamente per te una vera e propria ossessione!
    Hai sempre avuto un macabro senso dell’avventura e del divertimento. Sei sempre la prima ad andare a vedere gli ultimi film dell’orrore appena usciti, non importa quanto siano raccapriccianti, e sei eccezionalmente eccitata dai racconti sulle camere di tortura medievali e dalle descrizioni dei tormenti che venivano inflitti.
    Fra tutti, i tuoi preferiti sono quelli sulla tortura al solletico, una vera passione!
    Il solo pensiero di quel tipo di punizione ti fa provare i brividi. Ovviamente, soffrendo il solletico come lo soffri tu, in modo assolutamente insopportabile, non riesci nemmeno lontanamente a immaginare a quale folle grado di pazzia potrebbe portare le sfortunate vittime di tale atroce tortura, ma ciò nonostante ti affascina lo stesso, e forse è proprio questo abisso di terrore ad eccitarti ancora di più.

    È un caldo sabato sera quando vai al debutto del nuovo parco dei divertimenti. Le stelle brillano luminose in cielo e una calda brezza spira la via attraverso il parco affollato. Siccome questo è il week-end dell’inaugurazione il Luna Park rimarrà aperto eccezionalmente per tutta la notte, fino all’alba! WOW! Quale migliore occasione? Il tempo poi non può essere migliore e l’atmosfera elettrizzante è fantastica.
    Con tua grande gioia scopri che il parco divertimenti offre la più grande casa degli orrori d’Europa! C’é poi un’attrazione secondaria tutta speciale, “Dungeon Masters” (“Padroni della Prigione”), un nome che ti fa pregustare qualcosa di molto eccitante, con uno spettacolo intitolato “Dramma vero”, ambientato nell’Europa del 15° e 16° secolo. Presumibilmente sono state ricostruite delle scene di tortura di quei tempi, con dei veri strumenti ricostruiti nei dettagli. “WOW!” pensi subito!
    Visto tutta quella gente lì fuori, una lunghissima fila, sicuramente più di 1000 persone, sembra che l’attrazione “Padroni della Prigione” sia il più grande successo della serata! È forse per questo che gli organizzatori hanno previsto ben VENTI repliche dello spettacolo “Dramma vero” come recitano i cartelloni che eccitano subito la tua fantasia:

    “DRAMMA VERO!”
    “20 SPETTACOLI NON-STOP
    FINO ALL’ALBA!”

    “VENTI spettacoli di TORTURE medievali fino all’alba! WOW!!! Fantastico!!! Assolutamente impedibile!!!”
    L’euforia è alle stelle e già pregusti l’idea di non perdertene nemmeno uno!
    All’esterno della casa degli orrori, che appare più come un castello della Transilvania, ci sono figuranti in tunica, incappucciati truccati con maschere demoniache, che incitano i clienti in fila. Da dentro il “castello” si odono urla orrende e lamenti terribili, risate maniacali che permeano l’aria mite della sera. Tutti in fila sono eccitati pregustando lo spettacolo misterioso e aspettano pazientemente il loro turno per entrare in quella che appare come la dimora del diavolo.

    Dopo aver aspettato un po’ nella lunga fila, ti appare ovvio da quel pienone di gente che non saresti entrata presto, ma hai un’idea!
    Da tipino al peperoncino come sei, una che non vuole mai aspettare per niente, decidi che c’è un modo migliore per entrare, non soltanto subito, così non ti perdi i primi spettacoli, ma addirittura entrarci gratis! Guardandoti, nessuno potrebbe mai immaginare che tu sia una tipa capace di infrangere le regole solo per entrare in una casa degli orrori, ma è proprio ciò che hai intenzione di fare! Cammini intorno, vai dietro al “castello” e scavalchi la barriera di sicurezza!
    “WOW! Ora sì che la serata è elettrizzante!”
    Sono tutti troppo impegnati a divertirsi che nessuno ci fa caso e nessuno ti vede, nessuno può vederti più ormai! “Evviva!” Ti avvicini sempre più all’edificio, passi dietro ai cespugli, arrivi a una porta di legno con un grande cartello che dice:

    “VIETATO ENTRARE! CHI ENTRA SARA’ SEVERAMENTE PUNITO!”

    Pensi subito che potresti sempre dire che ti sei persa, cosa mai ti potrebbero fare d’altronde? Col tuo charme poi te la sei sempre cavata. Ignorando l’avviso premi la porta e a sorpresa scopri che è aperta! Forse i proprietari hanno pensato che nessuno sarebbe entrato da li…
    Apri lentamente guardandoti a destra e sinistra e appena entrata senti suoni spettrali e misteriosi come fossero collegati alla porta!!!
    “Sono gli effetti sonori registrati che si sentivano da fuori” razionalizzi subito vincendo come al solito ogni paura.

    Prosegui e ti addentri in lunghi corridoi bui che diventano sempre più bui via via che cammini. Dopo aver girato per infiniti angoli e trovato pareti di sbarramento come in un labirinto ti rendi conto di esserti persa davvero!
    Riesci a sentire le voci e le urla eccitate dei visitatori in fila là fuori come se seguissero i tuoi passi ma ad ogni angolo successivo ti sembrano ora vicine, ora di nuovo lontane. Sei davvero in un bel guaio, non riesci a trovare né la folla né l’uscita! Ti senti il cuore che batte sempre più forte e veloce, e se ti piace quella sensazione è anche vero che ora vorresti uscire da quel labirinto per davvero, anche perché è tutto buio e nonostante le voci della gente sembrino più vicine non riesci a veder nulla!
    Imperterrita vai avanti a tastoni lungo i muri, cammini facendoti guidare dalle mani che avanzano sulle pareti ma a un tratto senti che…hai toccato qualcuno!
    Rimani senza fiato dalla paura “acc..mi hanno beccata!”
    Ma in fondo tiri un respiro di sollievo e ti riprendi subito
    “Scusi, mi sono persa, dove è la fila?”

    Nessuna risposta, ma dal buio vedi uscire due di quei figuranti che avevi visto fuori. All’improvviso quelli ti afferrano e cominciano a trascinarti lungo il corridoio. Cerchi di lottare urlando e gridando di lasciarti andare ma quelli sono troppo forti perché tu possa sfuggire alla loro presa! Continuano a trascinarti lungo il corridoio, senza pronunciare una parola. Sicuramente immagini che siccome sei stata scoperta, sia meglio confessare e pagare.
    ”Okay! Mi avete preso! Adesso potete lasciarmi andare. Non vi darò più problemi! Mi rimetto in fila e entro come tutti gli altri”
    Di nuovo nessuna risposta, come se non ti avessero nemmeno sentita
    A un certo punto uno dei due spalanca una porta che segna l’ingresso di una grande stanza. Chiedi con voce preoccupata:
    “Questa è l’uscita?” Dove siamo?”

    Quei due ti trascinano dentro l’enorme stanza dove intravedi qualcosa che pare a grandi linee un grande palo di legno inclinato, sembra quasi come un grosso tronco; non hai idea di cosa sia ma quelli ti ci conducono a forza. Improvvisamente i due energumeni ti afferrano i vestiti, combatti come una furia ma quelli ti tengono immobilizzata ancor più forte e ti strappano via i pantaloncini e la T-shirt!
    ”EHI! Che diavolo sta succedendo? Cosa mi state facendo?”
    Quelli però continuano in silenzio e ti mettono addosso una specie di completo in minigonna di iuta, ti stendono sul tronco inclinato e ti legano una corda intorno alla vita come cintura legandola poi intorno al grosso palo; ti ci premono la schiena sopra, poi uno di loro ti afferra i polsi e te li lega dietro la schiena al di là del palo con svariati giri di una robusta corda ruvida. Mentre uno ti lega i polsi stringendo nodi su nodi l’altro si siede sopra le gambe per non farti lottare e tu sì che lotti con tutte le tue forze, ma è tutto invano.
    Dopo aver legato ben stretti i polsi, ciascuno di loro ti afferra una gamba e ti toglie le scarpe.
    Cerchi di liberarti e ti dibatti ma le tue caviglie sono messe fermamente in una specie di cornice imbottita. Come senti il rumore del legno che sbatte sul legno ti rendi conto che non le puoi più muovere. Qualsiasi cosa sia quella dove ti hanno messa ti sta trattenendo saldamente senza alcuna possibilità di muoverti. Appena il tempo di guardare che ti è tutto chiaro:
    ”Una gogna! Oh mio Dio! É impossibile! Cosa sta accadendo? Qualcuno me lo dica! Per favore!”
    Ancora nessuna risposta dai tuoi cupi e indistinti carcerieri. Invece, uno di loro ti mette a forza un cuscino dietro la testa. Non ne immagini la ragione e non te ne preoccupi: tutto ciò che ti interessa è andartene via di lì!
    “Ma che succede? Che mi volete fare!! Slegatemi!!!” urli arrabbiata e impaurita!

    Di colpo, e senza preavviso, ti viene ficcato in bocca un bavaglio, tenuto premuto a forza da una lunga cinghia di cuoio che viene allacciata stretta e in tirare intorno allo stesso palo, bloccandoti la testa al legno e tenendotela completamente immobile; ti senti mancare l’aria, protesti, urli, ma il bavaglio rende incomprensibile tutto ciò che tenti di dire: ormai non puoi più farti ascoltare! Sei terrorizzata, i tuoi occhi sono spalancati dalla paura anche per scrutare la stanza e trovare un qualsiasi indizio per capire dove sei. I due carcerieri escono dalla stanza lasciandoti legata, indifesa e imbavagliata!
    Tutt’intorno è buio e non riesci a muoverti, i nodo sono saldissimi e la gogna è stata ben bloccata! Urli e strilli, ma escono solo gemiti soffocati.
    Dopo circa 15 interminabili minuti, senti una musica d’organo a canne in lontananza, il suono si fa sempre più vicino, sempre più vicino, cerchi di gridare aiuto. Insieme a quella musica da brividi si accende una fioca luce rossa che illumina leggermente la stanza di un rosso iridescente. Ciò che all’improvviso riesci finalmente a vedere è scioccante e ti fa rimanere senza fiato: tutto intorno è esattamente come l’interno di una prigione medievale, completa di catene alle pareti e muri di pietra. Ti senti ancor più disperata quando vedi la parte del muro di fronte a te aprirsi e rivelare una gigantesca vetrata panoramica di plexiglas e dall’altra parte solo una piccolissima parte di tutta quella gente là fuori che ha pagato il biglietto per vedere lo spettacolo!

    Sei fuori di te, a questo punto completamente furibonda: lo scherzo è durato fin troppo! Gridi “aiuto” ma il suono è efficacemente soffocato dal bavaglio! Cerchi con lo sguardo di incrociare qualcuno lì fuori con occhi imploranti e supplicanti, “qualcuno capirà di venire a liberarmi!”
    Ti dimeni ma invano, la legatura è reale e non lascia nessuna via di scampo, non c’é spazio per alcun movimento, l’unica parte del corpo che puoi effettivamente muovere sono i tuoi piedi nudi e le dita dei piedi, ma la folla immagina che questo faccia parte dello spettacolo e crede che ti dimeni per dimostrare che sei realmente indifesa! I tuoi occhi scrutano la gente lì fuori pregando disperatamente che qualcuno possa capire la tua orrenda situazione.
    “Perchè se ne stanno lì fermi a guardarmi? Qualcuno faccia qualcosa!”
    Vedendo tutta quella folla in attesa il tuo pensiero corre velocemente a ciò che sarebbe accaduto dopo: quei due sarebbero rientrati e ti avrebbero fatto fare una figuraccia mostrandoti a tutto il paese come quella che non voleva pagare il biglietto!

    Ecco i due che entrano! Ora li puoi vedere, sono due uomini incappucciati con la croce ricamata sui vestiti, uno di loro prende un microfono messo lì vicino e si avvicina al pubblico, ti prepari alla ramanzina e immagini le parole da dire dopo che ti avranno liberata e tolto il bavaglio. L’incappucciato inizia a parlare:

    “SIGNORE E SIGNORI!”

    “Ecco le parole per me”, pensi arrossando tutta “ma anche se me la sono meritata, non è certo questo il modo di trattare le persone! Appena mi liberano mi faccio sentire!!” e continui a dimenarti come per dare ancor più energia alla protesta, ma lo speaker continua indifferente:

    “DI TUTTE LE COSE CHE AVETE VISTO QUESTA SERA, POCHE
    POSSONO UGUAGLIARE CIÒ DI CUI STATE PER ESSERE TESTIMONI!

    DURANTE IL MEDIOEVO LA TEMUTA INQUISIZIONE INFLISSE MOLTI TIPI DI TORTURE ALLE SUE VITTIME INDIFESE.
    L’EFFICACIA DI QUESTA PARTICOLARE TORTURA FU COSÌ ALTA CHE ESSA VENNE ADOTTATA COME PRATICA COMUNE
    E VENNE USATA POI ANCHE IN MOLTE PRIGIONI DI VARIE PARTI DEL MONDO.
    RACCOMANDIAMO CALDAMENTE AI DEBOLI DI CUORE E ALLE PERSONE PARTICOLARMENTE SENSIBILI
    DI USCIRE ADESSO E NON ASSISTERE A QUESTO SPETTACOLO!”


    Come lo speaker posa il microfono, vedi la folla accalcarsi tutta eccitata sul plexiglas, tu intanto continui ad agitarti ancor più ora che hai sentito il breve discorso, ma il continuo dimenarti furioso ti ricorda solo che non puoi scappare da quella legatura micidiale; i due incappucciati intanto vanno dietro di te. Non poter girare la testa per vedere cosa stanno facendo ti fa aumentare lo stato di ansia e paura: puoi soltanto sentire dei movimenti dietro di te, ma l’improvvisa espressione di orrore sui volti della folla lì davanti ti fa scivolare nel panico! Improvvisamente riappaiono quei due, uno con una lunga piuma in mano e l’altro che impugna una spazzola di setole morbide!

    Lo stomaco si contrae di colpo appena capisci cosa sta per accaderti!
    La tua più grande fantasia e più grande paura sta per diventare realtà nel modo più orribile! Strilli a più non posso con tutto il fiato che hai in gola ma il bavaglio lascia uscire solo suoni incomprensibili! I tuoi furiosi tentativi di fuga incredibilmente disperati appaiono al pubblico solo un modo per concentrare più intensamente gli spettatori sul tuo “numero” e attirare ancor più l’attenzione sulla tua “recita”!
    Appena il primo uomo abbassa la piuma verso i tuoi piedini nudi e indifesi, sgrani gli occhi come per allontanare il terrore! La lunga piuma viene fatta scivolare lentamente dal tallone alla punta delle dita, lungo la nuda pianta che fremendo tutta tenta invano di chiudersi, agiti velocemente le dita nella speranza di distrarre l’attenzione della tua mente dal solletico, ma il tuo torturatore è esperto e continua con il suo movimento calmo e costante. Non riesci più a trattenerti e scoppi a ridere, di scatto il torturatore ritira la piuma agitandola nell’aria per ricordarti beffardamente quanto sei indifesa e per farti capire cosa ti aspetta.
    È il turno del secondo uomo, che si avvicina con la brusca per cavalli e ti spazzola l’altro piede proprio sotto le dita con colpi corti e veloci! La sensazione di solletico ti fa impazzire fin da subito e dal bavaglio esce una risata orribilmente forte ma soffocata! Le spazzolate proseguono per interminabili secondi, tu gridi, implori, ma quello continua e soltanto dopo altri trenta impossibili secondi si ritrae!

    Sei furibonda e nel pieno panico! Ti manca l’aria per urlare! Non c’è alcun modo per impedire che te lo rifacciano ancora e sai che non potresti resistere a quella tortura: il solletico è ciò di più orribile che ti possa essere fatto, non riusciresti affatto a sopportarlo ed essere solleticata mentre sei legata e indifesa è assolutamente impensabile! Faresti qualsiasi cosa pur di liberarti, intanto il pubblico si accalca per guardare attentamente con stupore e meraviglia i due che riprendono l’attacco di solletico, stavolta però contemporaneamente e senza fermarsi! La piuma scivola intorno alle dita del piede che si muovono spasmodicamente mentre la spazzola viene sfregata sul calcagno e nell’incavo dell’altro piede!
    Il tuo riso irrefrenabile aumenta di tono e intensità via via che il solletico continua, cerchi disperatamente di ritrarre i piedi da quel solletico micidiale, urlando come un’isterica, ridendo e piangendo e implorando allo stesso tempo! La tua mente precipita nel panico più furioso nel pregare inutilmente che si fermi quel folle solletico ai piedi! Senti di non poterlo sopportare ancora, le lacrime rigano la tua faccia tutta rossa in preda all’isteria, tutto il tuo corpo sembra crollare per gli spasmi involontari dei muscoli causati dalla tortura del solletico!
    Nonostante l’evidente agonia infernale però, i due incappucciati non la smettono né diminuiscono e anzi cominciano a solleticarti le gambe! Lasciano cadere i loro strumenti di tortura e cominciano a muovere tutte le loro dita lungo i polpacci e le cosce e mentre uno ti solletica le gambe l’altro inizia a fartelo sopra i ginocchi provocandoti spasmi così violenti che ti immagini che qualcuno tra il pubblico finalmente si accorgerà che la tortura è assolutamente VERA e interverrà!

    I due pretendenti “inquisitori” intanto memori di dove soffri di più il solletico ci ritornano di volta in volta per aumentarne l’intensità! Povera vittima indifesa, sei sempre più sfigurata dalla tortura che fa impazzire tutti i tuoi nervi! Il solletico persistente trasforma rapidamente quella bella giovane donna che eri in una pazza furiosa in preda a spasmi isterici di tutti i tuoi muscoli! La folla oltre il vetro è tutta in silenzio come incantata e rapita di fronte allo spettacolo, tutti sembrano stupiti della tua capacità di “recitazione”! Per loro è tutta una finzione, d’altronde chi potrebbe resistere davvero a tutto quel solletico? I tuoi guizzi appaiono così intensi e violenti e il tormento così reale che i tuoi occhi sbarrati dal panico sembrano loro chiedere aiuto sul serio! “Capiranno! Qualcuno capirà! Devono capire!!!” pensi disperata!
    Vedi tutti quegli spettatori fissarti sbalorditi scrutando ogni tua espressione come per non lasciarsi sfuggire il benché minimo dettaglio, senti quelli della prima fila chiedersi
    "WOW! Sembra tutto vero!! Ma come fa?" Urli allora con tutto il fiato che hai in gola:

    ”ODDIO! QUALCUNO MI AIUTI! VI PREGO! AIUTATEMI! E’ TUTTO VERO! NON POSSO RESISTERE AD ALTRO SOLLETICO! QUESTI MI UCCIDONO SE NON SI FERMANO!!! NON LO VEDETE? OOOH OH OH NO NO NO NOOO!!! NON ANCORA! NON I P-P-P-IEDI!!! NOOO! PIETA’! PIETA’! PIETA’! PIEEEETAAAA HA HA HA HA HA HAAAAA AHA HA HAHA!!!!!”

    Ma di fronte ai tuoi pazzi contorcimenti e ai tuoi gemiti e strilli soffocati dal bavaglio, tutti “così perfetti”, il pubblico si abbandona a un fragoroso applauso con tanto di fischi di approvazione!!! Tutto il tuo corpo e tutta la tua mente sono incendiati! Tutti i nervi sono infuocati come fusibili, centinaia di migliaia di fusibili tutti che bruciano nello stesso momento, tutto il sistema nervoso sta per esplodere!
    Mai prima d’ora hai vissuto un tormento simile, in passato ti hanno fatto il solletico ma solo per poco e mai con un accanimento e un intento così brutale! Ma non è finita: quei due si scatenano da dietro sulle tue sensibilissime costole, stuzzicate con colpetti piazzati ad arte da dita non viste che aumentano l’effetto oltre ogni limite!
    Tutti gli addominali sono travolti da uno spasmo incontrollabile, la tua faccia è ormai tutta una maschera di pazzia, il bavaglio trattiene qualsiasi tentativo di liberare le tue grida disperate e il riso incontrollato, bloccando inoltre la tua testa praticamente inchiodata al palo, dove puoi soltanto restare immobile dimenandoti solo di quei preziosi millimetri che la legatura ti consente!

    Con i tuoi occhi infuocati e iniettati di sangue, mezzi offuscati dalle lacrime, cerchi d’incrociare lo sguardo di qualcuno tra il pubblico, sbatti velocemente le ciglia, ammicchi cenni di una VERA richiesta d’aiuto! Ma tutti quei ragazzi che riesci a veder dritto negli occhi ricambiano la tua disperazione con un bel pollice alzato e credendo tu voglia farli interagire con la scena gridano addirittura agli incappucciati “DAI! DATECI SOTTO!!!”

    I muscoli del collo si irrigidiscono, scatto dopo scatto, ogni volta che guizzi per la tortura. I muscoli del tuo stomaco si contraggono sempre più forte a ogni attacco di solletico, implacabile e a piene mani, sulle costole (dove lo soffri da impazzire!). Mentre i sadici torturatori solleticano ciascuno minuto dopo eterno minuto l’interno delle cosce e le costole, le tue dita dei piedi si dimenano follemente ma invano di fronte a quella stupida folla! Il tuo dimenarti senza fine è ormai pura disperazione!
    Il fuoco che senti dappertutto lungo il corpo completamente immobilizzato si è ora propagato ai tuoi capezzoli, il solletico continua senza sosta muovendosi senza ritegno su e giù lungo le cosce, dietro ai ginocchi! Senti tutti i muscoli contrarsi e bruciare per l’eccitazione, il sangue che pulsa impazzito nelle vene del collo!
    I tuoi calcagni nudi diventano il punto focale su cui si concentrano entrambi i torturatori che usano ora le loro unghie per graffiare la pelle lì così delicata!
    La situazione a questo punto è diventata orribilmente insostenibile e sei ormai certa che sarai solleticata a morte!
    La folla intanto assapora con impazienza e bramosia ogni secondo di quella tortura infernale: per tutti quei visitatori la visione del tuo spettacolo è terribilmente affascinante e divertente, li vedi tutti lì accalcati e vedi bene anche i loro volti! L’atmosfera è tutta piena di una strana elettricità come se stessero godendo morbosamente di quella tortura e non riuscissero a staccarsi dalla tua “recita”!
    Il solletico ai calcagni si fa sempre più intenso, ti senti intontita, i tuoi occhi vedono tutto sfocato, speri in una tregua ma niente, nient’altro che solletico! I due torturatori tornano con una intensità folle ai tuoi ditini dei piedi nudi intrappolati nella gogna, dedicando un’attenzione maniacale all’unica parte del corpo che puoi muovere divertendosi e facendo divertire il pubblico a farti dimenare così follemente! Venti unghie su quei ditini in preda a spasmi selvaggi ti fanno ritrovare la forza per un nuovo strillo di follia e di riso soffocato! Il solletico diventa sempre più irresistibile! Questa volta stai per esplodere, il tuo corpo è messo sotto pressione oltre ogni tua capacità di resistenza, la tua mente è in fiamme per quel sovraccarico d’eccitazione e ti senti dolere braccia, gambe e tutti i muscoli per gli eccessivi spasmi.

    L’umiliazione è resa più insopportabile dal bavaglio con la cinghia che ti tiene la testa bloccata verso tutti quegli spettatori eccitati: i tuoi occhi sono costretti a subire gli sguardi morbosi di tutta quella folla che incitata da altri incappucciati grida in coro “TO-RTU-RA! TO-RTU-RA! TO-RTU-RA!” mentre i tuoi piedini nudi subiscono il supplizio dell’interminabile manipolazione di tutte le venti dita di quei due sadici così maledettamente esperti! Non ce la fai, non riesci a resistere un altro secondo, i tuoi turgidi capezzoli sono ormai ben visibili a tutti dalla veste di iuta, ti senti scoppiare dalla tensione, un improvviso brivido profondo e sconvolgente s’impadronisce di te, emetti un ultimo grido acuto, e svieni!

    Quando ti risvegli al suono finale della musica d’organo, il tuo corpo ancora si contorce e guizza per la dura prova di tutto quel solletico infernale, ma ti senti tutta rigida e non riesci a muovere nemmeno un singolo muscolo. Sei mezza intontita, non capisci cosa sia successo nel frattempo, t’importa solo che sia finalmente tutto finito!
    La gogna ai piedi non c’è più, ma sei ancora bloccata: alle due estremità di quella specie di tavolo della tortura, potenti cinghie di cuoio ti afferrano ben strette i polsi e caviglie e ti tengono ancora legata. Braccia e gambe sono in tirare e senti l’aria accarezzare l’incavo delle ascelle spalancate: solo ora realizzi che almeno quelle sono state per fortuna risparmiate! È sempre stato il tuo punto debole e se ti avessero fatto il solletico anche sotto le ascelle sarebbe stato -se possibile- ancora più mostruoso!
    “Brrrrrr!!!” non osi neanche pensarci!

    Tutti quei lacci di cuoio sono ben stretti come se dovessero tenere a bada una belva inferocita e ne intuisci facilmente la ragione:
    “Stronzi! Avete paura che dia in escandescenze e mi volete vedere calma prima di lasciarmi andare! L’avete combinata grossa e lo sapete bene!”
    ma sinceramente non hai intenzione di fare storie, vuoi solo andartene di lì il prima possibile e dimenticare l’orribile esperienza subita!
    Riprendi fiato a fatica perché anche il bavaglio è stato sostituito con un altro più stretto ed efficace. Subito ne comprendi stizzita il subdolo motivo:
    ora che lo spettacolo è finito non vogliono certo che tu rovini tutto rivelando la verità agli ignari spettatori proprio mentre se ne stanno andando via!
    Ti fa incazzare però che abbiano rafforzato il bavaglio così brutalmente! Per impedirti di urlare ti hanno ficcato in bocca una palla di gommapiuma fonoassorbente premuta dentro a forza da una stretta fibbia di cuoio e, sopra questa, un’altra lunga cinghia di cuoio stretta all’inverosimile che ti immobilizza completamente la testa.
    Vorresti inveire, ma il bavaglio ti opprime pesantemente facendoti quasi mancar l’aria! Se prima ti avessero fatto il solletico in queste condizioni saresti impazzita!

    “Bastardi!”, imprechi mentalmente, “mi avete voluto infliggere l’ultima umiliazione!”

    Anche se è tutto finito, gli ultimi istanti sono davvero insopportabili!
    Le lunghe cinghie di cuoio infatti ti tengono la testa completamente ferma e bloccata e sei forzata a guardare fisso di fronte a te proprio quel pubblico che sta ormai uscendo, ma che fino all’ultimo non ti stacca gli occhi di dosso! E sei pure costretta a sentire i commenti di quelli che si domandano ancora dove sia il “trucco”!!!

    “Idioti!!!” pensi sprezzante

    Come se non bastasse poi, mentre sono usciti quasi tutti, vedi affluire dall’altra parte della vetrata panoramica decine e decine di ragazzi che corrono concitati verso di te come spinti da una curiosità morbosa e che si accalcano tutti eccitati sul plexiglas, sghignazzando e ridendo.
    “Sicuramente sono quegli imbecilli delle ultime file che prima gridavano a squarciagola e che ora vengono a vedermi da vicino prima di andarsene via!”
    Quel loro ridere beffardo ti fa andare il sangue alla testa dalla rabbia e il fatto che si siano fermati lì davanti a te per fissarti con tutti quei loro sguardi indiscreti ti dà ai nervi!

    “DEFICIENTI!” inveisci urlando contro di loro, ma dal bavaglio escono solo grida soffocate e questo li fa divertire e scoppiare in una fragorosa risata!
    Non ci vedi più dall’ira, ti dimeni violentemente, gridi con veemenza:
    “BASTARDI!!! FATEMI LIBERARE CHE POI VI FACCIO VEDERE IO!”
    Quei lacci potenti così stretti però non fanno altro che risaltare quanto tu sia davvero indifesa e loro giù a ridere e a lanciare continui apprezzamenti su di te e sulla tua esibizione!
    “BASTARDI! BASTARDI! BASTARDIII!!!”
    ti senti ribollire per il dover subire questa ultima umiliazione senza poter far niente, quando per fortuna vedi entrare l’incappucciato di prima e stavolta tiri un sospiro di sollievo.
    “FINALMENTE! ERA ORA!” …già pregusti la vendetta su quei deficienti!
    Quello si avvicina alla vetrata, prende il microfono e comincia a parlare:

    “SIGNORE E SIGNORI,
    DI TUTTE LE COSE CHE AVETE VISTO QUESTA SERA, POCHE
    POSSONO UGUAGLIARE CIÒ DI CUI STATE PER ESSERE TESTIMONI!

    DURANTE IL MEDIOEVO LA TEMUTA INQUISIZIONE…”

    All’improvviso ricordi con orrore i cartelloni all’entrata:
    “20 SPETTACOLI NON STOP, FINO ALL’ALBA!”
    Spalanchi gli occhi dal panico più totale: sta cominciando il SECONDO spettacolo!
    "NOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!"

    “…RACCOMANDIAMO CALDAMENTE AI DEBOLI DI CUORE E ALLE PERSONE PARTICOLARMENTE SENSIBILI
    DI USCIRE ADESSO E NON ASSISTERE A QUESTO SPETTACOLO!”

    Stavolta vedi entrare altri cinque incappucciati, senti l’aria accarezzare l’incavo delle ascelle spalancate, i lacci ti sembrano di colpo più stretti e quei ragazzi del pubblico, smaniosi e già esagitati, cominciano a sbattere tutti insieme i pugni sul plexiglas scandendo un ritmo infernale! Sono LORO il nuovo pubblico appena entrato! Hanno pagato per vedere una “vera tortura” e sono assolutamente decisi a incitare i torturatori, tanto è soltanto una recita…
    Last edited by Federico; 02-24-2008 at 11:04 AM. Reason: correction

  2. #2
    Complimenti Bel Rakkonto...meno Male Ke Si Trovano Anke Persone Valide Non Kome Il Koglione Di Ticalamerda! Ciao E Continua Cosi'

  3. #3
    Join Date
    Aug 2002
    Location
    Treviso Italy
    Posts
    129

    Smile Ringraziamento

    Quote Originally Posted by serpico_80
    Complimenti Bel Rakkonto...meno Male Ke Si Trovano Anke Persone Valide Non Kome Il Koglione Di Ticalamerda! Ciao E Continua Cosi'

    Grazie per i complimenti!
    Questa traduzione e riadattamento della storia originale "Amusement Park Hysteria" ispirerà una reale sessione di solletico FFF/M.

  4. #4
    Join Date
    Feb 2006
    Location
    Italy
    Posts
    164
    Avevo già letto la storia originale in inglese, ma è stato un piacere rileggerla tradotta, rende abbastanza bene l'idea.


    La Domanda non è "Chi è?"
    La Domanda è "Pecché?"

    Iscriviti al Vaffanculo Day

  5. #5
    Join Date
    Aug 2002
    Location
    Treviso Italy
    Posts
    129

    Post HYSTERIA, variazione di finale con doppia adrenalina

    Aggiunte? Suggerimenti?
    Last edited by Federico; 05-11-2009 at 11:00 AM. Reason: update

  6. #6
    Join Date
    Aug 2002
    Location
    Treviso Italy
    Posts
    129

    Exclamation Foto vittima: bavaglio

    Particolare del primo bavaglio
    Last edited by Federico; 02-07-2008 at 08:15 AM. Reason: update

  7. #7
    Join Date
    Aug 2002
    Location
    Treviso Italy
    Posts
    129

    Exclamation Foto pubblico: ragazza in prima fila

    Assistere allo spettacolo tra il pubblico e vederla lì...
    NON HA PREZZO!
    Last edited by Federico; 02-07-2008 at 08:14 AM. Reason: update

  8. #8
    Join Date
    Aug 2002
    Location
    Treviso Italy
    Posts
    129

    Cool Il pubblico incitante

    Stare tra il pubblico: impossibile non incitare...

  9. #9

    Talking

    Quote Originally Posted by serpico_80 View Post
    Complimenti Bel Rakkonto...meno Male Ke Si Trovano Anke Persone Valide Non Kome Il Koglione Di Ticalamerda! Ciao E Continua Cosi'
    Ticalasacca prego ... caro faccia di merda con tastiera!

    Sei stato bannato per aver offeso il supremo TICA!

    Sukkiami la minchia !

    TICA IL SUPREMO INCOMENSURABILE RE F/M

  10. #10
    Join Date
    Aug 2002
    Location
    Treviso Italy
    Posts
    129
    Ma proprio nessuno con nessuna idea! desolante...

  11. #11
    Join Date
    Feb 2011
    Posts
    6

    continuo

    sono passati troppi anni dall'ultimo post maaaaa....un continuo di questa storia straordinaria sarebbe fantastico!!!! se ci sei ancora e sei disposto a parlarne fammi sapere

  12. #12
    Join Date
    Aug 2002
    Location
    Treviso Italy
    Posts
    129
    Un continuo c'è ma veramente fa cadere le braccia offrirlo a chi non apprezza nè contribuisce a nulla! Veramente desolante questa rubrica che non so se valga la pena pubblicarlo.

  13. #13
    Join Date
    Feb 2011
    Posts
    6
    Si si ti prego pubblicalo!!!! io questa storia l'ho letta per la prima volta più di 5 anni fa, e da allora ho sempre sognato di leggerne un ipotetico continuo un giorno....sarebbe bellissimo!!! mi faresti uno degli uomini più felici del mondo

  14. #14
    Join Date
    Feb 2011
    Posts
    6
    Ti pregoooooo T__T !!!!!!

  15. #15
    Join Date
    Aug 2002
    Location
    Treviso Italy
    Posts
    129
    Ci sono ancora e ... il seguito arriverà a breve!

Page 1 of 2 12 LastLast

Posting Permissions

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
  •